Questo articolo è stato tratto dal post originale pubblicato su questo sito

Il Vaticano darà il via libera alla nuova versione, che comprende anche una variazione dellʼinizio del Gloria.

Cambia il Padre Nostro: il testo della preghiera più importante del cattolicesimo, inserito nella nuova edizione del messale romano, sarà visionata dalla Santa Sede“per i provvedimenti di competenza, ottenuti i quali entrerà in vigore, come fa sapere la Conferenza episcopale italiana. L’espressione “non indurci in tentazione” sarà sostituita da “non abbandonarci alla tentazione”.

Cambia anche l’invocazione che apre la preghiera del “Gloria”: si passa da “pace in terra agli uomini di buona volontà” a “pace in terra agli uomini amati dal Signore”. Per arrivare a queste nuove formulazioni delle preghiere, la Chiesa ha dovuto seguire un iter durato sedici anni, durante i quali i testi sono stati elaborati per essere migliorati e adeguati in senso teologico e pastorale, in vista di un rinnovamento della comunità ecclesiale anche attraverso la riforma della liturgia.