Questo articolo è stato tratto dal post originale pubblicato su questo sito

È stato il presidente degli Stati Uniti dal 1989 al 1993, e padre di un altro presidente: aveva 94 anni.

È morto George H. W. Bush, che è stato presidente degli Stati Uniti dal 1989 al 1993 e padre di George W. Bush, a sua volta presidente dal 2001 al 2009. Aveva 94 anni e da tempo aveva contratto il morbo di Parkinson. Bush è stato il 41esimo presidente degli Stati Uniti e gli eventi principali accaduti nei suoi anni da presidente furono la fine della Guerra fredda e la prima guerra in Iraq dopo che il dittatore Saddam Hussein aveva invaso il Kuwait. Bush morto sette mesi dopo sua moglie Barbara: erano stati sposati per 73 anni e avevano avuto sei figli.

Bush era nato a Milton, nel Massachusetts, nel 1924. Partecipò come aviatore alla Seconda guerra mondiale e nel settembre 1944 il suo aereo fu abbattuto dai giapponesi. Dopo essersi laureato in economia a Yale iniziò a fare l’imprenditore: si occupò di petrolio e già prima dei 40 anni divenne milionario, ha scritto BBC. Ma si dedicò prestissimo alla politica nel partito Repubblicano. Nella sua vita ebbe moltissime incarichi: fu deputato, rappresentante all’ONU per gli Stati Uniti, direttore della CIA, vicepresidente con Ronald Reagan e infine presidente. È stato uno dei pochi presidente moderni a compiere un solo mandato: nel 1992 fu sconfitto da Bill Clinton, candidato dei Democratici, che aveva impostato la campagna sulle mediocri condizioni economiche del paese.

Bush rimase comunque in politica, e diede una grossa mano alla carriera di suo figlio George W. Bush, che fu presidente dal 2001 al 2009. Negli ultimi anni di vita, George H. W. Bush rimase comunque molto popolare. Nel 2012, un sondaggio rivelò che il 59 per cento degli intervistati aveva un giudizio positivo su di lui. Uno dei primi politici a commentare la sua morte è stato Barack Obama, secondo cui gli Stati Uniti hanno perso «un patriota».