Questo articolo è stato tratto dal post originale pubblicato su questo sito

Di

Lorenzo Misuraca

Un dirigente della Monsanto ha dichiarato di voler “massacrare” un gruppo di madri che ha invitato la compagnia a smettere di vendere il suo diserbante Roundup. A dirlo è il portale Usa Newfoodeconomy, che riporta il contenuto di e-mail interne all’azienda, ottenute dagli avvocati delle persone in causa per dimostrare che il pesticida è alla base del loro tumore.

L’Ong sotto attacco

Le e-mail del luglio 2013, riportate da New Food Economy, rivelano uno scambio tra il Dr. Daniel Goldstein della Monsanto e due consulenti esterni su come rispondere a una lettera aperta di Moms Across America, un gruppo di sostegno che si occupa di diritti sociali e civili. Le e-mail sono state ottenute durante il processo contro Bayer, la società madre della Monsanto, su Roundup. “Noi mamme – diceva la lettera dell’Ong indirizzata all’allora amministratore delegato della Monsanto, Hugh Grant, – sappiamo che sua madre sarebbe orgogliosa di lei se mettesse al primo posto la salute della nazione e smettesse di vendere semi Ogm e spruzzare il glifosato (Roundup) e altri pesticidi più pesanti”.

Parole pesanti e volgari

La mail privata tra il dirigente della Monsanto e i due consulenti a tal riguardo, conteneva un passaggio in cui Goldstein scriveva che il gruppo delle madri aveva fatto “una serie di accuse piuttosto sgradevoli” e che lui aveva “litigato per una settimana per massacrarle”. L’espressione in inglese è ancora più volgare, “beat the shit out”, e preferiamo non tradurla. E con la stessa volgarità, uno dei consulenti – Bruce Chassy, ​​allora professore all’Università dell’Illinois – ha sostenuto la necessità di attaccare il gruppo delle mamme. L’altro consulente – Wayne Parrot, uno scienziato delle colture dell’Università della Georgia – non era d’accordo: “Non puoi picchiare duro contro le madri, anche se sono madri stupide ma puoi sconfiggere l’industria del biologico”, che ha falsamente affermato “pagato e scritto quella lettera”.

“Queste brutte e-mail rivelano il totale disprezzo che la Monsanto ha per la salute pubblica e per i consumatori, comprese le madri che vogliono solo proteggere la salute dei loro figli”, ha dichiarato Ken Cook, presidente dell’Environmental Working Group, Ong ambientalista. “Bayer si sta riprendendo dal suo monumentale errore di acquisto della Monsanto e queste e-mail dovrebbero ricordare loro che hanno acquisito la società che ci ha fornito DDT, Agent Orange e PCB.”

“Non possiamo dire che il glifosato è sicuro”

In un’altra e-mail, uno scienziato della Monsanto ha espresso preoccupazione per i rischi per la salute derivanti dal glifosato. Nel maggio 2014, la tossicologa Donna Farmer ha messo in guardia un portavoce della compagnia dal fare commenti pubblici sulla sicurezza di Roundup: “Non possiamo dire che il glifosato sia” sicuro “… possiamo dire la storia di un uso sicuro, usato in modo sicuro ecc.” Tutte le e-mail sono disponibili qui, per gentile concessione dello studio legale Baum Hedlund Aristei & Goldman.

FONTE “Il salvagente”