Questo articolo è stato tratto dal post originale pubblicato su questo sito

Ava Karabatic, personalità della TV croata ed ex modella di Playboy, ha recentemente rivelato di ambire alla carica di presidente nelle prossime elezioni.

La Karabatic lo ha rivelato attraverso la sua presenza sui social media, con il suo profilo Instagram ora impostato su “Candidato indipendente per le elezioni presidenziali della Repubblica di Croazia”.

Descrivendo il suo programma in un post sul suo blog, il cui collegamento è anche fornito sulla sua pagina Instagram, Karabatic ha scritto che ha deciso di partecipare alle elezioni “solo a causa della pessima situazione generale del paese”.

Visualizza questo post su Instagram

💙

Un post condiviso da Ava Karabatić (@ava_karabatic_official) in data:

Le promesse della sua presidenza includono il divieto dell’aborto dopo la sesta settimana di gravidanza, la legalizzazione della marijuana e della prostituzione e l’incoraggiamento dei giovani a rimanere piuttosto che cercare fortuna all’estero promuovendo la crescita economica e creando nuovi posti di lavoro a casa.

Visualizza questo post su Instagram

💎

Un post condiviso da Ava Karabatić (@ava_karabatic_official) in data:

“So che avrò molti commenti dai troll perché sono una stella dello spettacolo, ma questi ignorano il mio lato intellettuale in cui sono professoressa di lingua italiana e letteratura romana”, ha osservato Karabatic

“Ho scritto un’autobiografia, un romanzo, recitato in un film che è stato al cinema per mesi e, oltre alla recitazione, sono diventata anche un pittrice. Certo, le mie capacità artistiche non sono importanti, il mio nuovo regime è, il regime di Ava è importante”.

Visualizza questo post su Instagram

🏖

Un post condiviso da Ava Karabatić (@ava_karabatic_official) in data:

La modella sostiene anche la legalizzazione del lavoro sessuale nel paese all’inizio di quest’anno, sostenendo che questa misura contribuirebbe a rafforzare l’economia attraverso la tassazione delle prostitute e contribuire ad alleviare “le frustrazioni sessuali che esistono nel nostro paese”.