Questo articolo è stato tratto dal post originale pubblicato su questo sito

Dopo l’operazione a Sassari, la polizia prosegue con diversi arresti nel sud dell’isola, riuscendo a sequestrare armi e droga.

Il gruppo Falchi della squadra mobile di Cagliari ha ottenuto un importate risultato nella lotta contro la criminalità organizzata d’importazione. In un blitz nel seminterrato di una villetta in cui risiedevano i sospetti criminali nordafricani sono stati trovati 400 grammi di marijuana. 

Yly Aimienoho, di 31 anni, possedeva anche capi di abbigliamento in uso al gruppo criminale nigeriano “Supreme Eiye Confraternity” ed era stato coinvolto in una indagine di un anno fa dalla Dda di Cagliari, a seguito della quale era risultato essere membro della cellula cagliaritana denominata “Calypso Nest” di un’organizzazione criminale di stampo mafioso.

L’altro uomo arrestato è City Benin, di 34 anni. 

Durante la perquisizione di un box al piano terra sul retro della villetta le forze dell’ordine hanno trovato diverse auto smontate e pezzi di carrozzeria. Dopo un’analisi approfondita è risultato che le quattro auto e una moto di grande cilindrata risultavano rubate.

Il titolare dell’affitto del locale era il 48enne Luca Mascia, già noto alla polizia per precedenti penali.

La perquisizione delle vetture ha dato risultati inaspettati: sono stati trovati 2 panetti di hascisc di circa 120 grammi, due fucili a pompa calibro 12, uno calibro 22, un sistema di puntamento dotato di visualizzatore notturno da applicare sulle armi, un notevole quantitativo di munizioni e proiettili di vario calibro, un passamontagna. 

L’italiano è stato arrestato e portato in carcere, mentre contro i due nigeriani sono stati disposti gli arresti domiciliari.

Ascesa della mafia nigeriana in Italia

Sono aumentati del 400% i sequestri e del 1000% le confische eseguiti dal Dipartimento Investigativo Antimafia nei confronti delle organizzazioni criminali. Il 2018 vede l’affermazione e l’ascesa delle organizzazioni criminali straniere, in particolare della mafia nigeriana. Nel rapporto si legge che queste organizzazioni hanno rapporti continui e costanti con la madre patria.