Questo articolo è stato tratto dal post originale pubblicato su questo sito

Indice dei contenuti

Allerta alimentare: ulteriori ritiri sono stati effettuati in questi giorni, si tratta di lotti di Acqua Nepi, coppa di testa di Modena e di gelato bianco variegato al cacao.

Allerta alimentare: ritiro lotto di Acqua Nepi

Ritirato lotto di acqua minerale effervescente naturale ‘Acqua di Nepi’ in bottiglie di vetro per la presenza di batteri coliformi . L’avviso è stato pubblicato sulla pagina del ministero della Salute. Il numero di lotto è N9183A e la scadenza è 1 luglio 2021. L’acqua minerale richiamata è stata imbottigliata da Acqua di Nepi Spa, nello stabilimento di località Graciolo a Nepi, in provincia di Viterbo. Le bottiglie di vetro sono generalmente destinate al settore della ristorazione. Ecco quanto dichiara l’azienda:

Acqua di Nepi S.p.A. dichiara che è da escludere che la presenza dei coliformi possa dipendere o essere ricollegata, anche indirettamente, al proprio processo di imbottigliamento, in quanto le fonti, le linee di produzione e il magazzino presso lo stabilimento sono sottoposti ad analisi giornaliere da parte dell’azienda e a controlli periodici da parte degli Organi Sanitari. E è un caso che, il giorno 02.07.2019, lo stesso giorno in cui è stato imbottigliato il lotto sequestrato in data 15.7.2019, sono state effettuate analisi da parte della ASL Viterbo che hanno escluso la presenza di qualsiasi contaminazione dell’acqua oggetto di imbottigliamento. La presenza dei batteri, dunque, è da ricondurre a fattori esterni al ciclo produttivo aziendale. La procedura di richiamo, già effettuata in toto, è stata circoscritta ad un lotto di bottiglie in vetro destinato al canale della ristorazione ed è stata attivata solo a scopo precauzionale. Per Acqua di Nepi S.p.A. la sicurezza dei propri consumatori è la priorità assoluta.

Gelato bianco variegato al cacao BeneSì

L’azienda Coop ha richiamato un lotto di gelato vegetale bianco variegato al cacao BeneSì per la presenza di caseina non dichiarata in etichetta. Il prodotto coinvolto è venduto in barattoli da 250 grammi con il numero di lotto CT05 e il termine minimo di conservazione 08/2021. Il prodotto non deve essere consumato per gli allergici al latte e riconsegnato al punto vendita. Per chi non presenta allergie di questo tipo può essere consumato tranquillamente.

Salume coppa di testa di Modena

Allerta alimentare e ritiro del salume affettato per possibile presenza di Listeria monocytogenes. In particolare, il Ministero della Salute ha messo l’avviso per il lotto di coppa di testa di modena affettata  prodotta dalla ditta “Gigi il salumificio s.r.l.” nello stabilimento di via Aldo moro, a Modena, e commercializzata nei supermercati in vaschette da 125 grammi ciascuna con l’omonimo marchio. Il lotto interessato dal richiamo è il numero 1478 con data di scadenza o termine minimo di conservazione fissato al 4 gennaio 2020.

L’allerta è scattata a seguito di controlli interni che hanno evidenziato la presenza di listeria monocytogenes in un campione esaminato e che ha indotto la ditta produttrice a richiamare l’intero lotto di produzione numero 1478. Come sempre in questi casi, mentre il produttore provvede al ritiro dai negozi della merce già prodotta, si raccomanda ai consumatori che avessero già acquistato l’affettato interessato dal richiamo a non consumarlo ma a restituirlo al punto vendita di acquisto.

Allerta alimentare: Limoni spagnoli presenza Imazalil

Imazalil: vi dice nulla? Si tratta di un fungicida potenzialmente cancerogeno che viene utilizzato sulla buccia degli agrumi per garantirne la conservazione.

Da qualche anno, è anche obbligatorio scrivere sull’etichetta la dicitura “Buccia non edibile”, cosa che mancava nelle confezioni oggetto del ritiro in un supermercato di Siracusa in questi giorni.

limoni ritirati 2019

E pensare che i produttori spagnoli avevano fatto ricorso nel 2016 alla Corte Europea perchè questa specifica non era in linea con i loro obiettivi di produzione, cioè inondare il mercato di prodotti a basso costo conservati con funghicidi potenzialmente cancerogeni, senza neanche specificare in etichetta l’avvertenza che la buccia non fosse mangiabile / utilizzabile per scopi alimentari.

Per giunta questo avviene nella terra per eccellenza degli agrumi, la terra siciliana dove il limone è un prodotto d’eccellenza. Ma le logiche della distribuzione UE portano anche a questo: il Corpo forestale della Regione e l’ispettorato per la Repressione frodi hanno sequestrato in un supermercato 39 retine di limoni di provenienza spagnola trattati con l’Imazalil.

Ricordiamo che la legge obbliga di fatto i produttori a riportare in etichetta i trattamenti effettuati con sostanze non naturali, e se l’etichetta non c’è, è buona pratica NON utilizzare in cucina la buccia degli agrumi.

Se si vuole essere sicuri, acquistare limoni e arance bio che non sono trattati con agenti di rivestimento naturali né con fungicidi o antiparassitari.

Allerta Ministero della Salute: Sfilacci di equino Masina

Nuovo comunicato diramato dal Ministero della Salute in merito ad alcuni prodotti alimentari che risultano pericolosi per vari potenziali problematiche.

A scopo precauzionale sono stati segnalati gli sfilacci equini con il numero di lotto segnalato e restituirlo al punto vendita d’acquisto marchio Masina ‘La Salumeria’ per la presenza di Listeria monocytogenes.

Lotti e origine del prodotto

Il prodotto interessato è venduto in buste da 100 grammi con il numero di lotto 93543 e la data di scadenza 31/01/2020.Gli sfilacci richiamati sono stati prodotti per Naba Carni Spa da Europe Meat International Srl, nello stabilimento di via Roma 13, a Resana, in provincia di Treviso (marchio di identificazione IT 2027S CE). 

Friselline Integrali Primia ritirate dal mercato

Le distribuzioni di Basko e Tigros hanno diramato l’avviso di richiamo di un lotto di friselline integrali con grano italiano Percorsi di Gusto Primia per la presenza di livelli di deossinivalenolo (DON) superiori ai limiti stabiliti dalla legge.

Il prodotto richiamato è distribuito in confezioni da 350 grammi con il numero di lotto 133.C.19 e il termine minimo di conservazione 29/07/2020.

friselline integrali ritirate dal mercato

Le friselline interessate sono state prodotte da Colacchio Food Srl, che ha segnalato la non conformità. Si raccomanda di non consumare il prodotto con le caratteristiche segnalate e restituirlo al punto vendita.

Per ulteriori informazioni è possibile contattare il produttore ai numeri di telefono 0963 331290 e 347 8871460 oppure agli indirizzi e-mail [email protected] e [email protected]panificiocolacchio.it