Questo articolo è stato tratto dal post originale pubblicato su questo sito

La ricchezza dei miliardari è scesa di $388 miliardi a livello globale a $ 8,539 trilioni, secondo il rapporto UBS / PwC Billionaires, con un declino particolarmente marcato in Cina, il paese con più miliardari dopo gli Stati Uniti e nella regione Asia-Pacifico.

Le banche private tra cui il più grande gestore patrimoniale del mondo, UBS, hanno risentito delle tensioni commerciali tra gli Stati Uniti e la Cina e le incertezze politiche globali, poiché l’anno scorso i clienti hanno evitato il trading e si sono indebitati accumulando contanti.

“La ricchezza dei miliardari è diminuita nel 2018 per la prima volta dal 2008 a causa della geopolitica”, ha dichiarato Josef Stadler, responsabile dei clienti UBS con un patrimonio netto altissimo, nel rapporto pubblicato venerdì.

Il valore netto del più ricco della Cina è calato del 12,8% in termini di dollari a causa del crollo dei mercati azionari e di una valuta locale più debole e poiché la crescita nella seconda economia più grande del mondo ha rallentato, toccando il suo livello più basso in quasi tre decenni nel 2018, secondo il rapporto, eliminando dozzine di nomi dall’elenco dei miliardari.

Nonostante il calo, la Cina continua a produrre un nuovo miliardario ogni 2-2,5 giorni, ha detto Stadler.

In tutto il mondo, il numero di miliardari è diminuito ovunque tranne che nelle Americhe, dove gli imprenditori tecnologici hanno continuato a sostenere i ranghi dei più ricchi degli Stati Uniti.

“Questo rapporto mostra la resilienza dell’economia degli Stati Uniti”, dove alla fine del 2018 c’erano 749 miliardari, ha dichiarato John Matthews, capo della gestione patrimoniale privata e dei patrimoni netto ultra-alti per UBS negli Stati Uniti.

Mentre una ripresa del mercato azionario da un brusco calo alla fine del 2018 ha aiutato i gestori patrimoniali ad aumentare i loro beni, le famiglie più ricche del mondo rimangono preoccupate per gli affari globali toccati dalle tensioni commerciali, per la Brexit, per il populismo e per i cambiamenti climatici, continuando dunque a mantenere più denaro in contanti.

“È probabile che la ricchezza dei miliardari aumenterà di nuovo quest’anno”, ha affermato Simon Smiles, Chief Investment Officer di UBS per i clienti ultra ricchi, aggiungendo che sarebbe probabilmente un aumento più contenuto di quanto potrebbero suggerire le stime più ottimistiche del mercato finanziario.