Questo articolo è stato tratto dal post originale pubblicato su questo sito

Da domani Marcello Dell’Utri sarà un uomo libero, dopo aver scontato la sua pena per concorso esterno in associazione mafiosa. Entrò in carcere a maggio del 2014, dopo aver tentato di sfuggire alla sentenza definitiva della Corte di Cassazione scappando in Libano, ma da dove fu presto estradato in Italia.

Dell’Utri è stato detenuto presso il carcere di massima sicurezza di Parma e quindi trasferito a Rebibbia per scontare il resto della pena detentiva.

Ma Dell’Utri è solo parzialmente un uomo libero, l’ex manager di Publitalia, società facente capo a Mediaset, è imputato nel processo della cosiddetta trattativa Stato-mafia. In primo appello è stato considerato colpevole, ed è stato per questo condannato a 12 anni di carcere.

Ora attende la sentenza del processo di appello che è in corso.

Inoltre, Marcello Dell’Utri è sotto processo a Napoli e a Milano per aver sottratto indebitamente centinaia di libri antichi, tra cui quelli dell’antica biblioteca dei Girolamini di Napoli.