Questo articolo è stato tratto dal post originale pubblicato su questo sito

Ondata di polemiche e indignazione per alcuni tweet di esaltazione di Hitler da parte di un docente dell’Università di Siena.

Emanuele Castrucci, professore di filosofia del diritto e filosofia politica pubblica, ha twittato una foto di Adolf Hitler con il suo pastore tedesco Blondi seguita dal testo:

“Vi hanno detto che sono stato un mostro per non farvi sapere che ho combattuto contro i veri mostri che oggi vi governano dominando il mondo”.

​Questo messaggio non poteva lasciare indifferenti: alcuni utenti hanno espresso l’indignazione al professore per quanto espresso, tuttavia il docente non ha mostrato pentimento, continuando a difendere le sue idee e arrivando a dire che Hitler difendeva la civiltà europea.

“I gentili contestatori del mio tweet non hanno compreso una cosa fondamentale: che Hitler, anche se non era certamente un santo, in quel momento difendeva l’intera civiltà europea”. 

Sfogliando il profilo su Twitter del professor Castrucci, si notano altri post in cui non nasconde le sue simpatie per idee nazifasciste.

In tanti si sono rivolti direttamente al rettore dell’università di Siena, Francesco Frati, segnalando il post di Castrucci.

Il rettore non ha esitato a rispondere, sottolineando il carattere personale dei tweet del docente e ribadendo che l’Università di Siena abbraccia da sempre una posizione antifascista e antirevisionista relativamente al nazismo.

“Il Prof. Castrucci scrive a titolo personale e se assume la responsabilità. L’Università di Siena, come dimostrato in molteplici occasioni, è dichiaratamente anti-fascista e rifugge qualsiasi forma di revisionismo storico nei confronti del nazismo”, la prima reazione di Frati sui social.

Successivamente il rettore ha annunciato provvedimenti nei confronti del professore:

“Le vergognose esternazioni del professore Castrucci offendono la sensibilità dell’intero Ateneo; ho già dato mandato agli uffici di attivare provvedimenti adeguati alla gravità del caso.”

La vicenda è stata notata nel mondo politico. In particolare il deputato Dem Emanuele Fiano, segnalatosi per essere stato tra i più solidali con la senatrice a vita Liliana Segre, ha condannato duramente l’episodio con un post sulla sua pagina Facebook, ritenendo non adatto Castrucci all’insegnamento universitario per via delle sue simpatie neonaziste.

“Cioè questo essere, Emanuele Castrucci, può elogiare l’assassino della mia famiglia e di altri milioni di persone, può difendere i Protocolli dei Savi Anziani di Sion, testo base dell’antisemitismo, e noi dovremo difenderlo in nome della libertà di pensiero? E dovremo difendere il suo diritto all’insegnamento universitario a Siena Signor Ministro Fioramonti, Ministro dell’Istruzione ? Allora sono decenni che mi raccontate balle sui fondamenti del nostro ordinamento, e io non posso sentirmi tranquillo, non posso pensare che lo permetteremo. La Costituzione e le Leggi non permettono la libera apologia di chi la Libertà la calpestò dentro le camere a gas”.

Anche il segretario del Pd Nicola Zingaretti ha stigmatizzato l’episodio sui social.

M5s chiede di allontanare dalla cattedra professore con idee neonaziste

​A sua volta il Movimento Cinque Stelle ha auspicato provvedimenti, in quanto condividere simpatie neonaziste non è compatibile con l’insegnamento. Nel tweet a commento della situazione è stato aggiunto che il nazismo non è un’opinione.