Questo articolo è stato tratto dal post originale pubblicato su questo sito

Allarme salmonella: situazione critica in Francia. Sotto accusa i sistemi di imballaggio della uova

Allarme salmonella

Allarme salmonella in Francia: sotto accusa le uova. Quelle provenienti dall’Italia in particolare. Già diversi i casi ad oggi, per uno dei prodotti più diffusi non solo nel nostro paese ma anche all’estero. La preoccupazione per i consumatori adesso è che le uova infettate possano già essere finite nelle case.

A rilevare il rischio è il RASFF (Sistema rapido di allerta comunitaria) che nello specifico parla di uova biologiche italiane che si trovano purtroppo già in commercio. La salmonella enterica avrebbe quindi fatto emergere delle criticità già in Francia e per questo la situazione rimane di allerta anche sul nostro territorio.

Secondo il RASFF responsabile della contaminazione delle uova sarebbe stato un centro di imballaggi italiano. Non si sa al momento come e dove siano state distribuite nello specifico le uova. Si conoscono solo i casi francesi.

–> Leggi anche Eleonora Daniele a Mara Venier: “Vuoi essere la madrina di mia figlia?”

Le uova potrebbero essere già nelle nostre case. Situazione di allerta tra i consumatori

Allarme Salmonella

Al momento si sa che la distribuzione delle uova è stata bloccata dal centro di imballaggio in attesa di nuovi sviluppi e che si faccia chiarezza su quello che potrebbe essere accaduto per l’Italia. Dal RASFF si chiede a tutti i paesi membri della Comunità Europea la massima condivisione di tutte le notizie in possesso. Per arginare la criticità e trovare delle misure concrete per uscirne al più presto possibile.

Intensificare i controlli il primo passo anche per quel che concerne la distribuzione. Nei prossimi giorni si cercherà di fare chiarezza ed individuare con precisione quali uova siano finite sul mercato. Ed eventuali rischi che ne potrebbero derivare per la salute. La salmonella enterica è un batterio che riguarda la specie animale, pollame in particolare. Ma anche suini e bovini.

Si trasmette all’uomo sotto forma di alimenti. In questo caso uova e latte. Una precauzione per combatterla è la cottura dei cibi. In questo caso non ci dovrebbero essere danni particolari alla salute. I sintomi della malattia sono i più comuni: febbre, nausea, mal di pancia, diarrea ed altri disturbi inerenti l’intestino.

–> Leggi anche 40enni: ecco perché tra i sogni di tanti uomini ci sono le donne mature