Questo articolo è stato tratto dal post originale pubblicato su questo sito

Il presidente turco Tayyip Erdogan ha dichiarato di voler partecipare al vertice sulla Libia a Berlino fissato il prossimo 19 gennaio.

In precedenza la presidenza turca aveva annunciato la visita di Erdogan in Germania proprio il 19 gennaio.

“Oggi ho discusso della situazione in Libia con il mio partner italiano. Siamo decisi a prendere parte al vertice di Berlino alla fine di questa settimana. Come sapete, è entrato in vigore il cessate il fuoco in Libia. Oggi i ministri degli Esteri e della Difesa della Turchia sono impegnati in negoziati per garantire la tregua in Libia. Auspico che si riesca a farlo e che questo accordo venga firmato nel prossimo futuro”, ha affermato Erdogan in una conferenza stampa congiunta con il premier italiano Giuseppe Conte, in visita ufficiale in Turchia.

“Ho ricevuto notizie secondo cui i negoziati a Mosca si stanno muovendo in una direzione positiva e in chiave positiva”, ha constatato il presidente turco.

Secondo Erdogan, la Turchia si sta sforzando al massimo per rendere permanente il cessate il fuoco in Libia. 

“Consideriamo importanti gli sforzi dell’Italia”, ha aggiunto il capo di Stato turco.

“Il cessate il fuoco può risultare una misura molto precaria se non inserito in uno sforzo della comunità internazionale per garantire stabilità alla Libia. E per questo abbiamo condiviso la opportunità che si acceleri il processo di Berlino”, ha dichiarato a sua volta Conte.

Il premier Conte ha ribadito alle parti libiche il ruolo propositivo e conciliante dell’Italia per la risoluzione della crisi.

“Rivolgo un appello a tutti i libici: ogni giorno con ogni comportamento che assumono decidono del loro futuro, se ne vogliono uno di prosperità e benessere e vogliono aprirsi alla piena vita democratica troveranno sempre nell’Italia un alleato, perché non mira a interferenze che possano condizionare uno scenario futuro di piena autonomia e stabilità”.