Questo articolo è stato tratto dal post originale pubblicato su questo sito

La triste vicenda è accaduta in Russia, dove una donna ha lasciato la figlia da sola in casa ed è andata in vacanza, ma la piccola è morta dopo poco.

Russia: lascia la figlia da sola in casa e va in vacanza, la piccola muore dopo pochi giorni
Russia: lascia la figlia da sola in casa e va in vacanza, la piccola muore dopo pochi giorni

E’ successo in Russia, dove la giovane mamma ha lasciato la figlia sola in casa per andare in vacanza, e la piccola di solamente 3 anni è morta dopo pochi giorni.

La triste scoperta è stata fatta dalla nonna, che non era a conoscenza dei fatti,

Va in vacanza e lascia la figlia da sola in casa

La vicenda è accaduta nel Febbraio del 2019, ma è tornata in circolo, dopo le dichiarazioni che ha rilasciato la madre della piccola di appena 3 anni.

Maria Plenkina, ha 21 anni ed il 13 febbraio dello scorso anno era partita per una vacanza, lasciando a casa da sola la piccola di appena 3 anni, Kristina.

Quando è tornata a casa ha fatto la triste scoperta, ovvero che la figlia era morta.

LEGGI ANCHE —-> TANGENZIALE DI NAPOLI: NOTTE DI FOLLIA CON ALMENO 5 SCOOTER CONTROMANO!

Ma, l’amara scoperta è stata fatta dalla nonna, Irina Plenkina di 47 anni,  che era andata a casa della nipote per salutarla, ma ignorava che la piccola era a casa da sola.

La piccola Kristina, è stata trovata senza indumenti, in una stanza fredda e piena di spazzatura.

La mamma e la piccola vivevano in un appartamento nella cittadina di Kirov, secondo i medici legali la piccola è morta di fame.

LEGGI ANCHE —-> LINGUE STRANIERE: STUDIO CONFERMA CHE BERE ALCOOL AIUTA A PARLARE MEGLIO

Dalle indagini, nel suo stomaco hanno trovato poco cibo, dello yogurt e del pollo e salciccia che le aveva lasciato la mamma, ma hanno scoperto che per la fame, la piccolina ha provato a mangiare il detersivo in polvere.

Maria, ha passato le vacanze con l’amica Anastasia, ma le aveva detto di aver lasciato la piccola Kristina alle cure di un amico.

La donna, rischia dagli 8 ai 20 anni di carcere ed è stata dichiarata consapevole delle azioni che ha compiuto.