Questo articolo è stato tratto dal post originale pubblicato su questo sito

Di appena un’ora fa la lite Sgarbi Martina che ha scosso il programma della Merlino, proprio sui titoli di coda. 

Ieri il Senato si è pronunciato sul caso Gregoretti: Salvini andrà a processo. Una decisione che ha suscitato tantissime reazioni nel mondo politico e non solo.

Oggi, ospiti a L’aria che tira su La7, programma condotto da Myrta Merlino, c’erano Maurizio Martina, esponente del Partito Democratico e Vittorio Sgarbi.

Quando in studio è presente il critico d’arte è molto facile che ci scappi la rissa verbale e infatti, mentre scorrevano i titoli di coda, ecco che Sgarbi attacca Martina.

La lite Sgarbi Martina

La discussione è appunto sulla decisione di potare Salvini a processo. “Il governo dev’essere insindacabile – dice Sgarbi – e soprattutto, se non lo smentisce il presidente del Consiglio, possibile che arriva l’ultimo giudice? Ma che roba è?”

Parte abbastanza tranquillo Vittorio, che aggiunge: “Chi sono i giudici? Pronti ad arrestare gente innocente”. Poi cita il caso Tortora e parla dell’inchiesta guidata dal magistrato Nicola Gratteri.

“Dall’inchiesta di Gratteri sono state scarcerate ottanta persone: vuoi stare attento?” riferendosi al magistrato.

Poi alza il tono della voce e parte con le accuse al Pd: “Questi – indicando con il dito Maurizio Martina – leccano il c**o ai giudici e per fortuna c’è Renzi che lo ha detto loro. Votano con i cinque stelle perché altrimenti non governano”.

Parole pesanti alle quali Martina sembra non volere dare peso. Sgarbi non risparmia nessuno e attacca anche Davigo, Presidente della II Sezione Penale presso la Corte suprema di cassazione e membro togato del Consiglio superiore della magistratura, giudicandolo “un nemico dei cittadini”.

“Te lo ricordi Penati? – Dice il critico rivolgendosi a Martina – era innocente e lo avete abbandonato. Io lo difendo e tu no, ed è morto grazie a voi!”

A queste affermazioni Martina ha un sussulto e decide di rispondere: “Non ti devi permettere”. Ma Vittorio rincara la dose: “Non ti devi permettere tu, vigliacco! Io l’ho difeso, tu no”. – Foto L’aria che tira 

Imprenditore e appassionato di informazione; cerco umilmente di dare il mio contributo riportando notizie senza alcuna connotazione politica e/o dettata da interessi che possano condizionare e confondere il lettore.
E-mail: pietrodimartino44@gmail.com